Prestazioni a confronto


     

La resistenza termica Rm è determinata da dNm [m2K/W] in cui dN rappresenta lo spessore nominale dell'isolante

Caratteristica Norma Simbolo (u.m.) Valore in funzione dello spessore (mm)
6 10 20 30 40 50 60
Conducibilità termica UNI EN 12667 λm (W/mK) 0,014
Conducibilità termica λD (W/mK) 0,016
Resistenza termica R90/90 (m2K/W) 0,43 0,71 1,43 2,14 2,86 3,57 4,29
Resistenza termica RD (m2K/W) 0,35 0,65 1,30 1,95 2,60 3,25 3,90

CONFRONTO TRA PRESTAZIONI TERMICHE


Per confrontare le prestazioni termiche di due materiali isolanti non è sufficiente paragonare solamente le rispettive conducibilità termica (λ). E’ noto che un basso valore di λ è rappresentativo di elevate prestazioni termiche, ma ciò rappresenta solamente un punto di partenza. Un isolante per essere effettivamente performante in condizioni di uso reali deve possedere un insieme di proprietà, e la conducibilità termica ne rappresenta solamente una.
Un valore fondamentale nella valutazione della performance di un isolante è la densità nominale (massa). Da essa e dallo spessore dipende proporzionalmente la massa superficiale, che associata al calore specifico caratteristico fornisce la capacità termica. Quest'ultima ha grande influenza sullo sfasamento, che rappresenta il tempo in ore necessario alla temperatura massima della superficie esterna per raggiungere la temperatura massima sul suo lato interno: più semplicemente lo sfasamento indica il tempo impiegato dal calore per trasferirsi da una parte all’altra dello strato isolante e quindi di una partizione. Questo valore è fondamentale per il calcolo delle prestazioni termiche dei componenti in regime estivo ed è normato secondo la UNI EN ISO 13786.

In conclusione: a parità di spessore e calore specifico, maggiore è la densità dell’isolante e più elevato sarà lo sfasamento, e di conseguenza il comfort nel periodo estivo.

La soluzione ideale è rappresentata da un isolante che presenti contemporaneamente bassa conducibilità (W/mK) ed elevata massa (Kg/m³)

 

RESISTENZA TERMICA R AEROGEL VS. ISOLANTI TRADIZIONALI


TRASMITTANZA TERMICA AEROGEL IN FUNZIONE DELLO SPESSORE


Secondo quanto determinato con la norma UNI EN ISO 6946 in soli 10mm di spessore il pannello termoisolante AEROGEL è in grado di abbattere del 50% la trasmittanza di una parete con resistenza termica iniziale pari a 0,63 m²K/W, del 64% con uno spessore di 20mm, del 73% con uno spessore di 30mm, del 78% con uno spessore di 40mm, del 82% con uno spessore di 50mm e del 84% con uno spessore di 60mm.

Considerando un tempo standardizzato basato sui gradi giorno -ad.esempio per Verona (zona climatica E) 2468 GG- e supponendo un costo medio del metano pari a EUR 1,00/m³ , il risparmio economico medio atteso sarà pari a EUR 3,70/m²anno con lo spessore 10mm, EUR 4,74/m²anno con 20mm, EUR 5,40/m²anno con 30mm, EUR 5,76/m²anno con 40mm, EUR 6,07/m²anno con 50, EUR 6,22/ m²anno con 60mm (i m² si riferiscono alla superficie delle pareti oggetto di intervento).

Come si nota facilmente dalla comparazione dei dati non risponde al vero che a fronte di un raddoppio dello spessore dell'isolante (ad es. 20mm anzichè 10mm) il beneficio termico reale raddoppi. Il dato non va infatti confuso con la resistenza termica. Il calcolo della trasmittanza,come previsto dalla su indicata norma, vale per qualsiasi tipo di partizione coibentata con qualsiasi materiale isolante.


 

   

La resistenza termica R90/90 è determinata da dN90/90 [m2K/W] in cui dN rappresenta lo spessore nominale dell'isolante

Caratteristica Norma Simbolo (u.m.) Valore in funzione dello spessore (mm)
10 20 30 40 50 60
Conducibilità termica UNI EN 12667 λ90/90 (W/mK) 0,014
Conducibilità termica λD (W/mK) 0,016
Resistenza termica R90/90 (m2K/W) 0,71 1,43 2,14 2,86 3,57 4,29
Resistenza termica RD (m2K/W) 0,65 1,30 1,95 2,60 3,25 3,90

 

Prestazioni del sistema di isolamento a cappotto in condizioni d'uso reali: AEROGEL-SW vs. Isolanti tradizionali

La performance termica di un materiale isolante per applicazioni a cappotto deve essere valutata in condizioni di stress e di reale esercizio, nella fase invernale quanto in quella estiva.

La conducibilità termica di un isolante dichiarata a 10° o a 20°C fornisce una informazione solo parziale in quanto se l'ambiente esterno fosse caratterizzato da tali miti temperature durante tutto l'arco dell'anno non si presenterebbe la necessità di isolare gli edifici.

Considerando un range di temperature ambientali che può variare durante l'anno da minime invernali di -10°C a massime estive con picchi di +40/45°C, l'isolante in realtà si trova ad operare con temperature che possono variare da -10°C a +70/80°C: questo perchè nella stagione estiva al fenomeno conduttivo e convettivo si somma un'importante apporto dovuto all'irraggiamento solare. E' il caso ad esempio di una facciata orientata a Sud totalmente esposta. 

La concomitanza di questi fenomeni spingono la temperatura interna dell'isolante a +70°C ed oltre. 

In applicazioni a cappotto esterno l'isolante è chiamato ad operare proprio agli estremi di questo intervallo di temperature, ed è in corrispondenza di questi che è essenziale sia maggiormante performante e garantisca le prestazioni termiche dichiarate.

Osservando il grafico si evince facilmente come AEROGEL-SW rappresenta di gran lunga il migliore isolante termico per l'applicazione a cappotto.

Mentre le curve di variazione della conducibilità termica (W/mK) degli isolanti tradizionali sono molto ripide -ciò significa che all’aumentare della temperatura le proprietà termiche peggiorano sensibilmente- la stessa curva per AEROGEL-SW è molto piatta e con un andamento piuttosto lineare.

Questo significa che AEROGEL-SW si comporta egregiamente sia alle alte che alle basse temperature, è particolarmente stabile, e garantisce la performance termica anche in condizioni gravose.

A differenza degli isolanti a bassa densità che per loro natura isolano quasi esclusavamente nella fase invernale, AEROGEL-SW con una densità di 180 Kg/m³ unita alla bassissima conducibilità garantisce comfort e benessere superiori in egual modo sia nella stagione invernale che in quella estiva